IL PROGETTO GAUDATS JUNK BAND:

Valori: riutilizzo dei rifiuti – sensibilizzazione dei territori sul tema della salvaguardia ambientale e del riciclo.

L’idea di far nascere una band unicamente da strumenti riciclati parte dall’esperienza di Daniele Guidotti, che unendo le sue competenze musicali a quelle artigiane, decide di costruire chitarre, tubofoni , sassofoni e batterie da materiali destinati ai rifiuti.

È lui che, attraverso il recupero di cassette per vino, oggetti in plastica, pentole e vario materiale destinato alla discarica, costruisce gli strumenti musicali per un progetto musicale che gli permette di implementare la personale sensibilità verso il tema dell’ambiente e della sua salvaguardia sviluppata nel tempo attraverso letture e seminari sull’argomento.

Ercolini

È stato poi naturale cercare un legame con Rossano Ercolini, vincitore del Goldman Environmental Prize (premio assegnato annualmente agli attivisti ambientalisti di base), alle cui idee Daniele si è sempre ispirato.

Rossano, fin da subito ha abbracciato la causa, valutandola strategica per veicolare il concetto di riciclo applicato al campo musicale.

Varie istituzioni territoriali si sono poi interessate al progetto, ritenendo gli originali strumenti artigianali un coinvolgente mezzo di promozione dei temi ambientali.

Mentre fabbricava questi “strani” strumenti, Daniele si è posto l’obiettivo di creare un collettivo di musicisti che li facesse suonare, condividendo gli elementi fondativi del progetto.

Con loro ha strutturato un repertorio di brani che possano trasmettere al pubblico l’emozione e l’energia tipiche dell’happening musicale, riarrangiandoli in funzione delle sonorità specifiche degli strumenti da utilizzare.

È così che nasce la “Gaudats Junk Band” (dal soprannome “storico” dello stesso Daniele Guidotti).

La poetica che ispira tutto il progetto si radica nella certezza del fatto che “dal letame nascono i fiori” e che anche il “ricreare” oggetti, spazi di solidarietà, passioni comuni da ciò che è destinato ad essere scartato sia il permesso al sogno che oggi più che mai ha bisogno di esistere ed essere reso possibile.

I tempi difficili che stiamo vivendo, spingono troppe persone verso l’inerzia e la frustrazione in un circolo vizioso di rassegnazione, a cui Daniele e la Gaudats Junk Band, rispondono con strumenti riciclati, proposte, energia ed entusiasmo, per favorire una dinamica virtuosa e capace di restituire al territorio ed a chi ne fa parte la gioia e l’entusiasmo di poter essere soggetti attivi e divertiti del mondo.

Il progetto prevede anche alcune dimostrazioni nelle scuole, in modo da sensibilizzare i ragazzi su tematiche così importanti.

LO SPETTACOLO:

Una band speciale che suona su strumenti auto costruiti. Una band speciale che suona su strumenti auto costruiti, questo è Il progetto “Junk Band”, di Daniele “Gaudats” Guidotti, al quale aderiscono gli amici musicisti a “Chilometro Zero”; la band è difatti formata da vecchi amici, con i quali Daniele ha avuto continui rapporti musicali, provenienti dalle esperienze più disparate a costituire un piccolo “melting pot” artistico, che contribuisce a dare vita ad un sound del tutto particolare.

Lo spettacolo non ha solo l’interesse fornito da improbabili strumenti realizzati con materiale destinato allo scarto, ma è strutturato in modo da risultare coinvolgente per il pubblico, il quale, viene costantemente invitato ad interagire con la band.

Lo show, propone la rivisitazione in chiave “Junk” di famosi brani sia italiani che stranieri, spaziando trasversalmente tra i generi a dimostrare che molto è possibile con un po’ di entusiasmo e di “follia”.

Al progetto “Gaudats Junk Band” aderiscono anche personaggi molto conosciuti come Marco Bachi (bassista della Bandabardò) ed il frontman Rick Hutton, volto di Videomusic negli anni ’80-’90, conduttore radiofonico e presentatore del Porretta Soul Festival.

I musicisti si esibiscono, coerentemente, con abiti forniti dall’emporio del riuso solidale “Daccapo”di Capannori (LU).

Tutto questo (e molto altro) è: GAUDATS JUNK BAND

condividi...
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on TumblrPin on PinterestDigg thisShare on RedditShare on LinkedInShare on Google+Buffer this pageEmail this to someonePrint this page